Quali differenze ci sono tra il ciclo mestruale fisiologico e il ciclo mestruale quando si assume un contraccettivo orale? In realtà le differenze sono molte, a partire proprio dalla motivazione della mestruazione.

 

Servendoci del lavoro informativo della SIC, società italiana di contraccezione, 10 cose da sapere su pillola e mestruazioni, abbiamo selezionato alcune utili informazioni sul cambiamento che attraversa il nostro corpo quando scegliamo di assumere un metodo contraccettivo.

Il ciclo mestruale fisiologico

 

Lo scopo del ciclo mestruale è quello di creare un ambiente favorevole all’embrione fecondato. Durante questo periodo avvengono modificazioni a carico dell’endometrio che passa da una fase proliferativa ad una fase secretiva. La mestruazione è la fase secretiva in cui l’endometrio si sfalda come conseguenza della diminuzione dei livelli di estrogeni e progesterone (gli ormoni femminili dall’ovaio che all’inizio del ciclo mestruale promuovono l’ovulazione e la formazione sulla parete interna dell’utero dell’endometrio) e viene espulso attraverso la vagina alla fine di ogni ciclo mestruale, in media ogni 28 giorni, nel caso in cui non avvenga la fecondazione.

 

Il ciclo mestruale quando prendi la pillola

 

Il sanguinamento che si presenta in corso di assunzione di un contraccettivo ormonale non ha nulla di fisiologico. La pillola anticoncezionale infatti mette a riposo le ovaie impedendo l’ovulazione (il meccanismo di rilascio dell’ovulo da parte dell’ovaio) e grazie agli ormoni estrogeni e ai progestinici contenuti nella pillola stessa, la mucosa uterina continua a crescere fino a sfaldarsi alla sospensione mensile del contraccettivo orale e originando a tutti gli effetti una falsa mestruazione.

 

 

Una falsa mestruazione è inevitabile?

 

L’invenzione della falsa mestruazione non era necessaria: John Rock ideatore di quella che oggi chiamiamo familiarmente “la pillola” era convinto che la donna associasse psicologicamente il concetto di benessere riproduttivo al sanguinamento e per questo “inventò” anche una finta mestruazione, provocata dalla sospensione degli ormoni contenuti nella pillola.

 

 

Quali modificazione provoca l’assunzione della pillola nel lungo periodo?

 

Sicuramente il “falso ciclo” provocato dalla pillola non ha alcun risvolto sulla salute riproduttiva della donna. Un cambiamento importante invece si ha nei disturbi connessi al ciclo che in caso di assunzione di pillola anticoncezionale sono molto più leggeri così come l’intensità delle perdite.

A differenza del ciclo mestruale fisiologico inoltre, non è soggetto a particolari irregolarità, non provoca modificazioni a livello dell’endometrio scongiurando crampi addominali, flussi mestruali molto abbondanti, anemia, patologie quali l’endometriosi e tumori dell’ovaio; cefalea, epilessia, acuirsi delle malattie autoimmunitarie.

La contraccezione ormonale infine può curare la dismenorrea (ciclo mestruale doloroso) e la menorragia (ciclo mestruale abbondante): l’uso della pillola senza interruzioni può ridurre il numero delle mestruazioni e comportare una importante diminuzione del flusso mestruale durante la mestruazione.