illedi-Ginecologia-ritardare-la-mestruazione-2

Posticipare la mestruazione non è impossibile e in alcune occasioni può essere utile. Tuttavia occorre prestare attenzione alle soluzioni possibili e rivolgersi sempre al proprio ginecologo.

 

 

È POSSIBILE RITARDARE LA MESTRUAZIONE?

La risposta a questa prima domanda è sicuramente SI!, ma attenzione, non ci sono evidenze scientifiche che nel lungo questa pratica possa essere sicura per la salute: vale quindi la regola delle occasioni speciali.

 

 

QUANDO ASSUMI LA PILLOLA ANTICONCEZIONALE

Quando assumi la pillola puoi posticipare oppure evitare del tutto la mestruazione.

 

EVITARE LA MESTRUAZIONE

 

Per evitare la mestruazione è sufficiente che saltare la pausa tra una confezione e l’altra: comincerai il secondo blister al 22esimo giorno, senza rispettare la pausa di 7 giorni in cui normalmente avresti avuto la mestruazione. Questa comparirà nuovamente al termine del secondo blister. In caso di pillola da 28 giorni invece, basterà non assumere le compresse inattive. Scopri qui come funziona la pillola anticoncezionale.

 

POSTICIPARE LA MESTRUAZIONE

 

Per posticipare la mestruazione di qualche giorno invece, è sufficiente aggiungere alle compresse del primo blister, tante pillole quante sono i giorni che desideri posticipare. Anche in questo caso inizierai il secondo blister il 22esimo giorno e quindi senza rispettare i 7 giorni di pausa. La mestruazione comparirà 3-4 giorni dopo l’assunzione dell’ultima compressa. Scopri qui come cambia il ciclo mestruale quando assumi un contraccettivo ormonale.

 

Non c’è nessun effetto collaterale o pericolo a saltare la pausa o a prendere più pillole rispetto a quelle della confezione e l’efficacia contraccettiva risulta invariata.

 

QUANDO NON ASSUMI LA PILLOLA ANTICONCEZIONALE

 

Quando non assumi un contraccettivo ormonale, posticipare il ciclo è molto più difficile.

Non esiste infatti un modo certo e sicuro per la salute che non sia farmacologico. Per ritardare la mestruazione il ginecologo può prescrivere l’assunzione compresse di progestinici come noretisterone acetato da metà ciclo mestruale, durante l’ovulazione quindi, e per un periodo di tempo che va da dieci a venti giorni, proseguendo fino a 3-4 giorni prima della data desiderata per il flusso.

Come la pillola anticoncezionale, anche le pillole a base di progestinici necessitano di prescrizione medica per essere acquistate ma a differenza dei contraccettivi ormonali non hanno alcun effetto anticoncezionale per cui, se vuoi evitare una gravidanza, continua ad usare un metodo contraccettivo.

NO ALLE DOCCE FREDDE

 

Tra le credenze popolare c’è quella per cui è possibile bloccare oppure posticipare la mestruazione con una doccia fredda durante oppure a ridosso della stessa. Si tratta in realtà di una pratica che oltre a ritardare o bloccare il flusso (per alcune ore, al massimo un paio di giorni), non funziona per tutte e può essere causa di forti dolori che potrebbero far rimpiangere quelli della mestruazione. Meglio provare con lo sport.

 

SPORT E ALIMENTAZIONE

 

La pratica sportiva può risultare un ottimo ritardante sia nelle donne che la praticano abitualmente (a livello agonistico e non), che in quelle che non la praticano. Il segreto sta nell’intensificare l’allenamento a seconda della persona che lo pratica.

Mentre cerchi di posticipare il ciclo intensificando l’attività sportiva evita alcuni alimenti che potrebbero vanificare ogni tuo sforzo. Sembra infatti che il peperoncino, il pepe, l’aglio, la paprica e lo zenzero possano stimolare l’arrivo anticipato della mestruazione. Indicati invece la papaya, l’ananas, i datteri e le lenticchie il cui consumo potrebbe ritardare di qualche giorno la mestruazione.

 

ATTENZIONE AL PREZZEMOLO

 

Tra i consigli per ritarda la mestruazione troviamo spesso la tisana al prezzemolo.

Il prezzemolo non ha grosse controindicazioni se utilizzato regolarmente e senza esagerare ma non ci sono prove reali a sostegno della tesi per cui ritardi la mestruazione. Sicuramente è sconsigliato a chi ha problemi renali e in gravidanza perché può stimolare le contrazioni uterine e le emorragie. Non abusatene!

 

CONCLUSIONI

 

Speriamo di averti dato degli utili consigli e di averti distolto da pratiche FAI DA TE che potrebbero rivelarsi pericolose. Per qualsiasi dubbio rivolgiti sempre al tuo ginecologo.

Le informazioni riportate rappresentano indicazioni generali e non sostituiscono in alcun modo il parere medico.